Risorse e Libri


Seminario Mp3


Insegnamenti di Rev. Glashouwer


PURIM, estratto a sorte (7-8 marzo)

L’impero Babilonese venne sconfitto da una coalizione composta da Medi e Persiani. Dario fu il primo re del nuovo Impero dei Medi. Seguito poi da Serse I 486 a.C – 464 a.C. (conosciuto anche come Assuero). Il suo impero si estendeva dall’Etiopia all’India e Susa era una delle più importanti città del Regno.

Gli avvenimenti accaduti durante la grande convocazione di un convitto, del re, nel quale vengono invitati i rappresentanti delle nazioni da tutte le 127 province del Regno, che si estende dall’Etiopia all’India, diventa per Hadassah, un evento straordinario. Hadassh, una giovane ragazza ebrea, rimasta orfana dei genitori fa parte del folto numero di Giudei residenti nell’immenso impero a seguito della deportazione del Regno di Giuda da parte dei Babilonesi.

Hadassah, partecipa alla lunga selezione che il re bandisce per scegliere la nuova moglie (la prima moglie infatti viene ripudiata per disobbedienza nei confronti del sovrano). La giovane ragazza viene scelta tra le migliaia di giovani donne dell’impero. Lo zio Mardocheo consiglia alla nipote di non rivelare le sue origini giudaiche a nessuno, e per non dare dei sospetti sulla sua origine Hadassah cambia il nome giudaico in Esther (un nome babilonese). Esther diventa regina per un proposito divino per salvare il suo popolo dal progetto di genocidio di tutti gli Ebrei dell’Impero, organizzato da l’acerrimo nemico Aman. Questo terribile governatore è di origine amalekita e occupa il più importante posto nel Regno dopo l’imperatore, disponendo di un grande potere. Egli va dall’imperatore per chiedergli l’autorizzazione di uccidere tutti gli ebrei residente nell’Impero in una data che verrà estratta a sorte. Gli Amalekiti, nella bibbia sono ricordati tra i peggiori nemici d’Israele. Appena attraversato il mar Rosso, Amalek uscì attaccando nelle retrovie il popolo d’Israele, colpendo le parti più deboli di esso, donne e bambini.

Nel libro di Deuteronomio Dio ordina al Suo popolo di ricordare ciò che Amalek fece e nel libro di Samuele, Dio ordina al re Saul di uccidere il re Amalekita che era stato catturato in battaglia. Nella storia d’Israele Amalek è il simbolo della persecuzione e della crudeltà, il quale colpisce sempre le persone deboli ed indifese, cercando lo sterminio del popolo. Aman perfeziona il suo progetto e il giorno estratto a sorte per realizzare il macabro piano è il 13 del dodicesimo mese, il mese di Adar.

Sarà la regina Esther che interverrà in favore del suo popolo rivelando le sue origini ebraiche all’imperatore e smascherando il genocidiario piano di Aman, il quale subirà la sorte che stava progettando per gli ebrei.
Altri personaggi nella lunga storia d’Israele, hanno tentato di attaccare Israele come ha fatto Aman l’Amalekita e sono morti, non esistono più, mentre Israele continua ad esistere. Altri si stanno organizzando per copiare da Aman, ma farebbero bene ad imparare dagli errori del loro predecessore, se non vogliono seguirne la sorte, e cessare da piani di sterminio e distruzione.

 < Lampi di Storia <